Le 8 cose che devi sapere sui depuratori a Osmosi Inversa - GocciaSana - Goccia Sana

Goccia sana il nostro blog - Goccia Sana

Spedizione Gratis 24/48 | Assistenza 24/7 | +39 388 3677 833 | +39 388 3677 833
+39 044 453 2345 | +39 044 453 2345
shopping
gocciasana
Vai ai contenuti

Le 8 cose che non sai sui depuratori a Osmosi Inversa

Goccia Sana
Pubblicato da GocciaSana in Lo sapevi che...? · 16 Dicembre 2020
Tags: depuratorepurificatoreosmosiinversamicrofiltrazionefiltrico2carboneattivoargentopfas
"Come funziona l'osmosi inversa?

I purificatori a osmosi inversa sono sicuri?

E' vero che l'acqua osmotizzata è priva di minerali?"

Tanti ti pongono spesso queste e altre domande, abbiamo quindi deciso di fare chiarezza una volta per tutte in questo articolo.




Scopriamo quindi QUALI SONO LE 10 COSE CHE ANCORA NON SAI SUI DEPURATORI A OSMOSI INVERSA:

1. Cos'è l'osmosi inversa e come funziona?

L'osmosi inversa è il processo di purificazione dell'acqua a oggi più efficace. La purificazione avviene in maniera totalmente meccanica e quindi senza l'aggiunta di alcun componente chimico.
L'impianto a osmosi inversa possiede un filtro nella quale l'acqua proveniente dalla rete idrica viene pretrattata e successivamente entra in una membrana semipermeabile nella quale avviene il processo a osmosi inversa.
L'acqua viene sottoposta a una pressione più forte rispetto alla pressione osmotica in modo tale che passi attraverso uno speciale filtro che trattiene  tutti gli elementi composti da molecole non idrofile (water-like) cioè chimicamente diverse dall'acqua.
La purificazione non avviene quindi soltanto con una filtrazione meccanica ma anche sfruttando la diversità di natura chimica degli elementi.
Il lavoro fondamentale viene quindi svolto dalle membrane che solitamente sono fatte con acetato di cellulosa, poliammide per sfruttarne l'impermeabilità e materiali compositi come il TFC o TFM (Thin Film Composite Membrane) che funge da "filtro molecolare" nella forma di una speciale pellicola composta da diversi strati.
Grazie alla sua efficienza, l'osmosi inversa viene usata non soltanto per il trattamento dell'acqua ma anche a livello industriale in diversi settori: biomedico, alimentare, trattamento refluo industriale, potabilizzazione acqua del mare ecc...


2. Quali sostanze elimina l'osmosi inversa? L'osmosi inversa toglie davvero le sostanze nocive?

L'osmosi inversa elimina i sedimenti, i metalli pesanti, il cloro, i pesticidi e fitofarmaci, i nitrati, germi e batteri, l'arsenico, i fosfati, il PFAS, materiali radioattivi, il calcare e alcuni sali minerali (I purificatori a osmosi inversa permettono di regolare la quantità di sali minerali da preservare).


3. Qual è la differenza tra depuratore a Osmosi Inversa e depuratore a Microfiltrazione?

Molti sono convinti che non ci sia molta differenza tra un impianto di purificazione dell'acqua a Osmosi Inversa a uno a Microfiltrazione, invece ci sono delle differenze sostanziali.
La microfiltrazione consiste nel trattenere le sostanze in sospensione per mezzo di filtri con capacità filtrante compresa tra 0,2 e 0,5 micron, senza agire in alcun modo sulle proprietà organolettiche dell'acqua che mantiene intatti i sali minerali e qualsiasi altra sostanza vi sia presente.
L'osmosi inversa, invece, dopo aver prefiltrato l'acqua in entrata, la sottopone  a un processo del tutto naturale che agisce a livello molecolare: l'osmosi inversa.
Questo comporta che le molecole diverse da quelle dell'acqua vengono trattenute.
L'acqua osmotizzata quindi, non soltanto viene privata dalle sostanze in sospensione ma viene anche liberata dalla maggior parte di germi e batteri, PFAS, nitrati, arsenico, fitofarmaci e pesticidi, e il residuo fisso viene sensibilmente diminuito .


4. E' vero che con l'Osmosi Inversa si ottiene acqua distillata? L'acqua osmotizzata è priva di sali minerali?

L'acqua distillata (dH2o) si ottiene tramite il  processo di distillazione ed è quasi del tutto priva di sali minerali, germi e batteri e impurità di qualsiasi tipo.
Questo la rende quindi non ideale per la salute umana in quanto non apporta alcun beneficio in termini di sali minerali perchè estremamente pura.
Bere acqua distillata non nuoce nell'immediato ma dopo un consumo prolungato nel tempo, proprio perchè a lungo andare non fornisce il giusto "nutrimento" all'organismo.
L'acqua osmotizzata invece, preserva le qualità organolettiche utili per la salute, e una quantità di sali minerali pari a quella di molte delle acque in bottiglia minimamente mineralizzate che sono in commercio. L'acqua osmotizzata promuove il buon funzionamento del nostro organismo e allo stesso tempo favorisce la diurisi non appesantendolo con un residuo fisso eccessivamente alto.  
E' noto infatti che l'acqua con un residuo fisso troppo alto possa addirittura risultare controproducente per la nostra salute, come puoi leggere in questo articolo.
Bisogna altresì considerare che nei paesi più industrializzati, l'apporto di sali minerali avviene soprattutto per mezzo del cibo come frutta e verdura, cereali, legumi, frutta secca ecc. quindi a maggior ragione bere acqua minimamente mineralizzata può apportare dei grandi benefici a chi non ha esigenze specifiche.
Infine,un buon impianto a Osmosi Inversa, permette di regolarizzare la quantità di sali minerali secondo il gusto e consumo del consumatore.


5. L'Osmosi Inversa è pericolosa? L'acqua osmotizzata ha effetti collaterali?

Sono molti i detrattori di questo tipo di purificazione dell'acqua, e sono altrettanti i motivi che portano loro a farlo.
In primis, i numerosi interessi economici che stanno dietro le acque in bottiglia (leggi qui): il giro d'affari annuo per il commercio di acqua in bottiglia è pari a 100 miliardi di dollari!!
Inoltre spesso si sente dire che un depuratore a Osmosi Inversa sarebbe inutile perchè l'acqua delle nostre abitazioni è già potabile e non richiede nessun trattamento.
E' vero che l'acqua delle nostre case è potabile, ma è anche vero che molto spesso la manutenzione delle tubature non viene effettuata per decenni, questo causa la formazione di colonie batteriche e lo sgretolamento di residui che poi arrivano nel rubinetto di casa.
Inoltre sappiamo tutti quanto sia attuale l'emergenza della contaminazione di PFAS nelle falde acquifere di molte regioni del Nord Italia (leggi qui per saperne di più).
Se poi andiamo a fare qualche ricerca, ci renderemo subito conto di quanto siano numerosi i casi di contaminazione, riguardo a questo abbiamo raccolto per te alcuni articoli di testate giornalistiche nazionali che riportano numerosissimi casi di contaminazione e/o avvelenamento (guarda qui).
Se tutte queste motivazioni non fossero sufficienti a farti capire che i purificatori a Osmosi Inversa sono sicuri per la salute e privi di effetti collaterali, ti basti pensare a quanto siano giustamente rigidi i controlli che sono previsti dalla legislazione italiana su ogni tipo di dispositivo in commercio, in particolar modo se questi fanno parte della categoria alimentare.


6. E' vero che l'Osmosi Inversa incide sul PH dell'acqua rendendola eccessivamente acida?

Innanzitutto devi sapere che secondo i parametri stabiliti dalla legge (D.l. 31/01) il PH dell'acqua devve essere compreso tra 6,5 e 9,5.
L'acqua dell'acquedotto che arriva nelle nostre case ha un PH medio compreso tra 7,5 e 9. Un impianto di depurazione a Osmosi Inversa tende a ridurre il PH di mezzo punto, quindi si parla di un decremento davvero irrisorio e che in alcun modo può incidere sulla qualità dell'acqua.
Ad ogni modo, se vuoi che il PH della tua acqua rimanga invariato, esistono dei filtri alcalini che normalizzeranno il PH dell'acqua in uscita dall'impianto a Osmosi Inversa.


7. Che tipo di manutenzione richiede un depuratore d'acqua a Osmosi Inversa?

Il depuratore a Osmosi Inversa richiede il cambio annuale dei filtri a carboni attivi e il cambio ogni 3/5 anni delle membrane. Inoltre è opportuno effettuare la sanificazione (lavaggio macchina) a cadenza annuale.


8. Quali sono i pro e i contro di avere un depuratore d'acqua a Osmosi Inversa?

Avere un depuratore a Osmosi Inversa porta numerosi vantaggi:

  • innanzitutto in termini di salute, visto che è stato dimostrato come bere acqua con un basso residuo fisso e priva della maggior parte di sostanze nocive promuova il funzionamento ottimale del nostro organismo.
  • In secondo luogo fa bene alle nostre tasche, infatti si stima che una famiglia media italiana spenda circa 400 Euro all'anno per l'acquisto di bottiglie di acqua.
  • Terzo, ma non ultimo per importanza, si ha la comodità di disporre di acqua purificata in maniera illimitata direttamente dal proprio rubinetto senza contribuire all'inquinamento causato dall'uso incontrollato di bottiglie di plastica.

Gli svantaggi invece sono davvero pochi:

  • Se ci sono particolari condizioni di salute che richiedono di bere acqua altamente mineralizzata (esempio, chi soffre di osteoporosi probabilmente avrà un'esigenza maggiore di introdurre più calcio)  è consigliabile specificare al proprio tecnico di fiducia di impostare il livello di mineralizzazione in rapporto alle proprie esigenze di salute.
  • Inoltre, è altamente consigliato ricordarsi di fare la manutenzione ordinaria del proprio depuratore a Osmosi Inversa a cadenza annuuale, per far si che filtri e membrane si mantengano ben funzionanti, puliti e per scongiurare la formazione di batteri.


Per concludere, prima di fare la scelta di acquistare un depuratore a Osmosi Inversa, è bene conoscere tutti gli aspetti. Se ti vengono in mente altre domande e curiosità , puoi commentare questo articolo e saremo lieti di risponderti.





Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0
Copyright © 2021 - www.gocciasana.it | P.iva 04621420233  |  Privacy policy
www.gocciasana.it

+39 388 36 77 833  
+39 044 21724 677

info@gocciasana.it
Goccia Sana è leader nella purificazione dell'acqua con i migliori depuratori a osmosi inversa del mercato per rimuovere residui, batteri, PFAS e metalli pesanti.
Scopri subito i prezzi visitando il nostro sito, otterrai assistenza pre e post vendita garantita.  

Newsletter
Pagamenti
I metodi di pagamento che accettiamo.
Informazioni
Copyright © 2021 - www.gocciasana.it
P.iva 04621420233
Torna ai contenuti